Allianz Trade: inflazione da profitti, siamo al picco?

Il leader mondiale dell’assicurazione crediti ha analizzato i profitti delle aziende, per settore e Paese, per comprendere gli effetti dell’inflazione.

I prezzi delle materie prime e dell’energia, stanno scendendo, eppure quelli dei prodotti restano alti.
C’è “un’inflazione da troppi profitti?”.Non sarà che alcune aziende continuano a scaricare i rincari sul consumatore finale, anche se non sia più necessario? L’ufficio Studi Allianz Trade, leader mondiale dell’assicurazione crediti, offre uno spaccato interessante su quello che sta avvenendo in Europa.Quel che è certo è che i margini di profitto delle imprese non finanziarie nell’Eurozona sono di recente aumentati.
Con il 40,8% del valore aggiunto lordo alla fine del 2022, i margini delle società non finanziarie sono in media di +0,6 punti percentuali sopra la media, con Italia (44,8%) e Spagna posizionate meglio rispetto a Germania e Francia. Tuttavia, ci sono differenze significative tra i settori.I margini di profitto sono aumentati in particolare nell’agroalimentare, dove i rivenditori sono stati in grado di aumentare i propri margini al 78,6% nel quarto trimestre del 2022 (12,3 punti percentuali in più rispetto al livello pre-pandemia).
Analogamente, nelle costruzioni, la quota dei profitti si è attestata al 54,4% (9,3 punti percentuali in più rispetto ai livelli pre-pandemia). Nel settore manifatturiero, la Spagna rimane nella migliore posizione, data la sua competitività e le riforme attuate (figura 13). Nell’industria alimentare in particolare, il margine dei profitti in Francia è ora ben al di sopra della sua media pre-pandemia (al 48,1% nel primo trimestre del 2023, rispetto a una media pre-pandemia del 40%) poiché i costi dei fattori di produzione stanno diminuendo (inclusa l’energia), mentre gli attori del settore stanno aumentando i loro prezzi di vendita.

Allo stesso modo, in Germania, i prezzi di vendita in molti settori sono aumentati molto più di quanto sarebbe stato giustificato dall’andamento dei prezzi di acquisto. Tuttavia, l’attuale aumento dei margini di profitto è notevole considerando il loro storico declino negli ultimi due decenni. Due settori hanno contribuito in maniera massiccia a sostenere i margini aggregati dal 2021: i servizi di trasporto e l’energia. 
 In Germania le imprese edili hanno sfruttato la tendenza generale al rialzo dei prezzi per aumentare notevolmente i loro profitti. Oltre al settore agricolo, l’edilizia ha registrato in media il maggiore aumento dei margini, anche rispetto ad altre grandi economie europee. Sebbene esistesse ancora un elevato portafoglio ordini nell’edilizia tedesca – sia in termini di volume che di valore – risalente a prima della pandemia e della guerra in Ucraina, è stato amplificato dall’aumento dei prezzi dei materiali da costruzione e dai relativi colli di bottiglia nelle consegne. I salari sono rimasti bassi in combinazione con i forti aumenti dei prezzi che hanno portato a maggiori margini nel settore, in particolare nell’ingegneria civile.
Allo stesso modo, il settore delle costruzioni in Italia è stato in grado di aumentare i prezzi grazie alla ripresa della domanda negli ultimi due anni. Il credito d’imposta relativo alla misura del “super bonus”, stabilito per migliorare l’efficienza energetica del patrimonio abitativo, ha spinto verso l’alto la domanda ma al contempo ha gonfiato i prezzi legati all’edilizia. Anche se prevediamo che gli investimenti continueranno, sostenuti anche dalle risorse del Pnrr e quindi la domanda rimarrà vivace, ci aspettiamo una correzione nei prossimi trimestri, dato che anche il generoso sostegno del governo è stato riorientato riducendo l’importo.

Servizi: aumento dei profitti ma non per tutti

Al contrario, i margini aziendali nel settore dei servizi sono stati sottoposti a forti pressioni. Mentre i servizi energetici e di trasporto sono settori oligopolistici con un forte potere di determinazione dei prezzi sul mercato, il settore dei servizi, compresi l’hospitality, i servizi B2B e le telecomunicazioni hanno avuto difficoltà, con margini ben al di sotto delle loro medie pre-pandemia. Comparti che hanno risentito dell’accelerazione dei salari e dei costi dei fattori di produzione.Ciò ha limitato la misura in cui possono aumentare i loro prezzi di vendita al di sopra dei costi dei fattori di produzione, nonostante la resilienza della domanda di servizi. Le indagini presso le imprese in Spagna mostrano che le aspettative sui prezzi futuri sono in calo. Con incrementi salariali non trascurabili attesi nelle quattro principali economie dell’Eurozona almeno per i prossimi due anni (Figura 19) per compensare le perdite di reddito reale dello scorso anno causate dall’elevata inflazione, la pressione sui margini continuerà. 
 Previsioni: cosa aspettarci nel 2023?

Dovremmo aver superato il picco dell’inflazione determinato dagli utili aziendali. Il decennio prima della pandemia non ha consentito alle aziende di aumentare i prezzi in un regime di produzione globalizzata. Anche le strategie “just-in-time” hanno consentito di ridurre i costi. Lo shock dei prezzi delle materie prime che ha seguito la pandemia, la crisi energetica e i colli di bottiglia della catena di approvvigionamento (chip, trasporto merci) hanno conferito alle aziende dei settori a valle delle catene del valore una sorta di monopolio per sostenere un’inflazione da profitti. Anche diversi settori a monte hanno acquisito rilevanza sistemica, come la logistica e l’autotrasporto. Tuttavia, gli ultimi indicatori sul potere di determinazione dei prezzi suggeriscono che una certa decelerazione sta prendendo piede e anche le spinte deflazionistiche cominciano a diventare visibili (metalli, prodotti chimici, tessili).“Il miglioramento delle prospettive del Pil per il 2023, con una crescita prevista intorno all’1.1%, insieme al rientro dell’inflazione, dovrebbe avere un impatto positivo sull’immediato futuro, soprattutto se il Sistema Italia sarà in grado di incrementare, quanto più possibile, produttività e salari. Lo scenario rimane, tuttavia, incerto, con le aziende che si troveranno ad affrontare condizioni di incertezza geopolitica e mercati finanziari ancora instabili. Rimaniamo fiduciosi, in quanto le imprese del nostro paese si sono dimostrate storicamente resilienti ai cicli economici negativi facendo leva sulla capacità di fare rete, sull’innovazione e sulla visione imprenditoriale, da sempre elementi distintivi del made in Italy”, ha concluso Costantino ScozzafavaChief Commercial Officer, Paesi Mediterranei, Medio Oriente e Africa per Allianz Trade. 
 Informazioni su Allianz TradePrevediamo il rischio commerciale e creditizio oggi, perché le imprese abbiano fiducia nel domani

Allianz Trade è il Ieader mondiale dell’assicurazione crediti, specializzato in cauzioni, recuperi, credito commerciale strutturato e rischio politico. La nostra rete di intelligence proprietaria analizza quotidianamente i cambiamenti nella solvibilità di +80 milioni di aziende. Offriamo alle imprese la garanzia di operare con sicurezza e di ottenere il pagamento dei propri crediti. Indennizziamo i crediti inesigibili, ma soprattutto assistiamo i clienti ad evitare operazioni dall’esito incerto. Ogni volta che stipuliamo una polizza di assicurazione crediti o altre soluzioni finanziarie, la nostra priorità è la protezione predittiva, ma in caso di sinistro, il nostro rating AA testimonia la solidità delle risorse che mettiamo in campo con il sostegno del Gruppo Allianz per garantire l’indennizzo dei nostri clienti. Allianz Trade, con sede a Parigi, è presente in oltre 52 Paesi con 5500 collaboratori. Nel 2021 ha raggiunto un giro d’affari consolidato di 2,9 miliardi di euro e ha coperto transazioni commerciali per un ammontare totale di 931 miliardi di euro.

Per maggiori informazioni, visitare il sito www.allianz-trade.com
.
Powered by Ariaperta Online - P. IVA 01865490971